Sono circa 20mila le persone che hanno sfilato per le strade di Napoli insieme con il leader della Fiom Maurizio Landini durante la manifestazione contro il Jobs Act. “Questo – spiega Landini – non è il momento di dividere il Paese, ma di unirlo. Non è tagliando diritti ai lavoratori che si risolvono i problemi. Da solo Renzi non cambia il Paese e deve avere rispetto per i lavoratori che quando scioperano rinunciano allo stipendio e gli stipendi sono bassi, questi lavoratori non guadagnano certo quanto Renzi. Noi qui – spiega il leader Fiom – stiamo scioperando per tutto il Paese”. Landini parla anche della Cisl: “Questa manifestazione è un contributo per l’unità sindacale, non è un corteo contro le altre sigle sindacali. La Cisl sbaglia, dovrebbe ascoltare maggiormente i suoi iscritti. Lo sciopero generale è l’occasione per riunire lavoratori e precari contro le scelte di questo governo”  di Fabio Capasso

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lavoro, Squinzi a Landini: “Io onesto. Anzi, più che onesto”

prev
Articolo Successivo

Call center, sciopero nazionale. Mobilitate anche le aziende

next