Prima l’annuncio di Beppe Grillo dai banchi del Parlamento europeo a Bruxelles e ora la richiesta ufficiale in Cassazione. Il M5s ha presentato in Cassazione la legge di iniziativa popolare costituzionale per l’indizione di un referendum consultivo sull’euro. L’annuncio in un video registrato davanti la Corte di Cassazione. “Presenteremo il titolo del disegno di legge e dopo che sarà pubblicato in Gazzetta partirà la campagna per la raccolta di firme che durerà sei mesi. Poi presenteremo la legge di iniziativa popolare: raccoglieremo milioni di firme”, ha detto il senatore Vito Crimi in un video.

Il disegno di legge costituzionale di iniziativa popolare ai sensi dell’articolo 71 secondo comma della Costituzione e degli articoli 48 e 49 della legge 25 maggio 1970 (n.352) ha come titolo l’”Indizione di un referendum consultivo di indirizzo sull’adozione di una nuova moneta nell’ordinamento nazionale in sostituzione dell’euro”. Il referendum per chiedere l’opinione dei cittadini sull’uscita dalla moneta unica era uno dei punti del programma elettorale del Movimento 5 stelle per le Europee 2014. A rilanciare l’idea erano stati gli stessi leader Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio dal palco del Circo Massimo a Roma durante la manifestazione Italia 5 stelle. Secondo la tabella di marcia dell’M5s entro la fine di novembre dovrebbe cominciare la raccolta delle firme.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tor Sapienza, chi fa finta di non vedere

prev
Articolo Successivo

Nucleare, pressing sul ministro Galletti. Pd: “Sospendere nomina di Agostini”

next