Il Senato ha dato via libera al ddl che vieta benefici e sconti di pena ai condannati per 416-ter, il voto di scambio politico-mafioso, la cui riforma è stata approvata definitivamente in aprile. I voti favorevoli sono stati 234, 6 gli astenuti, zero i contrari. Dopo l’ok del Senato il provvedimento passa alla Camera. Luigi Manconi, presidente della commissione Diritti umani, senatore Pd, si è astenuto votando in dissenso dal proprio gruppo. Tutti gli emendamenti sono stati esaminati veocemente e respinti.

“I condannati ex articolo 416-ter non potranno beneficiare dei giorni premio e delle misure alternative al carcere”, ha spiegato in aula il sottosegretario alla Giustizia Cosimo Maria Ferri. “Il testo è equilibrato”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Salvini lo sa: le paure sono come le ciliegie

prev
Articolo Successivo

Tagli polizia, M5S chiede audizione per Alfano: “Smantella, favorisce criminalità”

next