“Solo psicosi di massa“. “No, un bel problema”. Gli utenti di Whatsapp si dividono fra chi sdrammatizza e chi, invece, accusa il social di messaggistica istantanea più usato al mondo di ledere la privacy. Al centro del dibattito le spunte blu che dal 6 novembre indicano la lettura del messaggino da parte del destinatario. “Una cosa è certa – dice un ragazzo ai microfoni de ilfattoquotidiano.it nel centro di Roma – non si potrà più usare la scusa ‘Non ho letto il messaggio'”. “Alla privacy si rinuncia, quando ci si iscrive ai social”, argomenta un altro. “E’ una palese violazione”, ribatte una signora. Le spunte blu potrebbero essere un problema soprattutto nei rapporti sentimentali. “Per fortuna sono single, ma – dice una ragazza – per me sarebbe un dramma se compaiono le linee blu e il mio ragazzo non risponde”. “Se uno non ha niente da nascondere – taglia corto un’altra – che problema c’è?” di Annalisa Ausilio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Antonio Razzi all’Isola dei Famosi: “Potrei partecipare alla prossima edizione”

prev
Articolo Successivo

Pd, Pennacchi contro Renzi: ‘Arrogante, bugiardo, andasse affanculo’

next