“Ho restituito la tessera elettorale al ministro della Giustizia e non voterò”. Così Mario Congiusta, il padre di Gianluca, giovane ucciso dalla ‘ndrangheta a Siderno nel 2005, uno dei casi di cronaca più importanti di quegli anni. Il genitore mesi denuncia un vuoto legislativo che consente ai ”boss di comandare dal carcere” grazie alle loro missive che, per legge non possono essere usate come prove nei processi. “Ho scritto a Matteo Renzi ma non mi ha risposto. Con questa legge anche Totò Riina potrebbe scrivere a chiunque dei suoi scagnozzi e ordinare di uccidere il pm Nino Di Matteo. Quella lettera non potrà mai essere utilizzata contro di lui in un tribunale”. Il paragone non è casuale perché il processo contro il killer del figlio, il boss latitante Tommaso Costa, è stato rinviato in Cassazione anche perché non è stato possibile utilizzare tutte le prove contro di lui  di Lucio Musolino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Stefano Cucchi, l’offesa del Sappe: “La famiglia lo aveva abbandonato”

prev
Articolo Successivo

Ilaria Cucchi a Caselli: “Non mi fido più di nessuno”. Il magistrato: “Abbia fiducia”

next