E’ stata condannata ad un anno di reclusione Ghoncheh Ghavami, la giovane britannica di origine iraniana sotto processo in Iran per aver cercato di assistere a una partita di pallavolo maschile a giugno. Lo riferisce un tweet di Al Arabiya che cita l’avvocato della ragazza, Alizadeh Tabatabaie. La 25enne, che studia a Londra per diventare avvocato ed era tornata a Teheran proprio per promuovere i diritti delle donne, era stata arrestata il 20 giugno e rinchiusa nella prigione per oppositori politici di Evin nella capitale, dove si trova da 126 giorni, per aver chiesto, assieme ad altre attiviste, di assistere all’incontro di World League Iran-Italia disputata a Teheran, malgrado sia vietato. La legge è stata introdotta nel 1979 con l’affermarsi della rivoluzione islamica: è considerato contro la morale religiosa che una donna assista ad una competizione sportiva in cui gli uomini non siano completamente vestiti.

Ghoncheh era stata rilasciata su cauzione e poi arrestata di nuovo quando è tornata in centrale per recuperare le sue cose. In carcere, dove è stata tenuta in isolamento per 41 giorni, aveva anche iniziato uno sciopero della fame e il Foreign office aveva espresso preoccupazione per il suo caso. Le autorità iraniane hanno sostenuto che la giovane era stata arrestata per ragioni di sicurezza non legate però al match di pallavolo. L’accusa formale per il rinvio a giudizio era di “propaganda contro il sistema di governo”. L’arresto ha innescato una campagna internazionale per la sua liberazione e il 22 settembre a New York, in occasione del vertice Onu, il ministro degli Esteri britannico Philip Hammond, aveva sollevato il caso in un confronto con Mohammed Zarif, titolare del ministero Affari Esteri iraniano. E alla notizia della condanna Londra si è detta preoccupata: “Mettiamo in discussione il motivo dell’accusa, l’inchiesta e le condizioni di detenzione di Miss Ghavami”, ha fatto sapere un portavoce del Foreign OfficeSu Facebook è attiva la pagina Free Ghoncheh Ghavami.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ghoncheh Ghavami, inizia lo sciopero della fame la ragazza arrestata al match di volley

prev
Articolo Successivo

La casa di riposo per femministe: si paga meno in cambio di impegno per la causa

next