Dobbiamo abituarci a inverni sempre più freddi in Europa e Asia. Il rischio di inverni estremi è infatti raddoppiato a causa dello scioglimento dei ghiacci dell’Artico avvenuto negli ultimi decenni. Sono le conclusioni di una serie di simulazioni al computer realizzate da un gruppo di ricerca dall’Università di Tokyo e pubblicato su Nature Geoscience che aggiunge però che il trend potrebbe invertirsi entro la fine del secolo.

Il declino del ghiaccio marino osservato nei mari di Barents e di Kara, a partire dal 2004 sta provocando un’alterazione della circolazione delle masse di aria, provocando un ‘blocco’ che spinge l’aria fredda a riversarsi verso Asia e Europa. La scoperta è stata fatta realizzando oltre 200 diverse simulazioni al computer della circolazione atmosferica mondiale in base a una vasta serie di parametri che considerano anche la distribuzione dei ghiacci. “Questo nuovo studio – ha commentato Colin Summerhayes, dell’Istituto di Ricerca Polare Scott – conferma analisi precedenti e verifica che il declino dei ghiacci ha raddoppiato la probabilità che si verifichino inverni rigidi in Asia e Europa”. Il fenomeno sarebbe però solo temporaneo e, nonostante però ci siano molte incertezze nel fare previsioni a così lungo periodo, dovrebbe arrestarsi entro la fine del secolo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Come una bomba H”: fotografata la fase iniziale dell’esplosione di una stella

prev
Articolo Successivo

Razzo esploso, ipotesi guasto a motori. “Nello spazio nulla è ordinario”

next