Il Movimento Consumatori ha inviato un esposto all’Antitrust per richiedere l’apertura di un’istruttoria sulla trattativa che, secondo indiscrezioni di stampa, sarebbe in corso tra Telecom ItaliaMetroweb per l’acquisizione di quote di controllo di quest’ultima. “La concentrazione in capo ad un unico operatore della proprietà di tutte le reti fisse attualmente esistenti – spiega Alessandro Mostaccio, segretario generale di Movimento Consumatori – potrebbe compromettere il processo di sviluppo della concorrenza nel settore delle tlc. Inoltre, l’acquisizione dell’unica rete fissa in fibra ottica oggi esistente da parte dell’operatore già proprietario della rete fissa in rame, potrebbe subordinare, o almeno condizionare, lo sviluppo strategico della rete di nuova generazione agli interessi commerciali del proprietario della più arretrata rete in rame. Per questo abbiamo inviato questo esposto all’Agcm, perché dia il via a un’istruttoria, mettendoci a disposizione per un’eventuale audizione sul tema”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Multa Ue da 93 milioni a Credit Suisse, Jp Morgan e Ubs. “Hanno manipolato tassi”

next
Articolo Successivo

Banche, Bruxelles vara i criteri di contribuzione al Fondo di “salvataggio” comunitario

next