Quello che mancava erano le scuse; ora, forse, la questione U2/Apple potrà essere archiviata. Bono Vox, cospargendosi il capo di cenere, tiene a farci sapere quanto famigerata sia stata l’intera operazione: «Ho avuto questa bella idea e ci siamo fatti trasportare da essa, gli artisti sono inclini a farlo – e continua – là fuori c’è un sacco di rumore e così anche noi siamo stati rumorosi per riuscire a farci sentire».

Caro Bono, più che un sacco di rumore, là fuori esiste un sacco di gente ancora arrabbiata. La questione, infatti, non è risolta, anche se “moralizzarla” è fuori luogo; ognuno di noi, sovente, impone ciò che non dovrebbe. Un esempio? Restando in ambito musicale, viene in mente il download illegale; le due cose apparentemente diverse sono connesse: scaricando illegalmente, non imponiamo forse la nostra volontà all’artista esattamente come gli U2 e la Apple hanno imposto al pubblico la loro? Se ciò fosse compreso, si potrebbe affermare che in fondo, la serie è sempre la stessa: “Chi è senza peccato, scagli la prima pietra”.

L’affaire Apple in realtà ha spostato l’attenzione dall’unica cosa realmente grave ovvero la scelta volontaria della band di regalare al mondo un brutto disco.

A margine di un summit, dopo aver capito che l’album appena sfornato non fosse propriamente “venuto bene”, i quattro avranno convenuto che, se messo in vendita, i guadagni eventuali, difficilmente avrebbero superato i cento milioni di dollari offerti dalla casa di Cupertino, ergo perché non approfittarne? Rifiutare, avrebbe significato confrontarsi con il flop clamoroso – come detto – nei negozi, con conseguente negatività diffusa sul tour imminente. Per non parlare della casa discografica; una volta realizzate le perdite, avrebbe imposto, a stretto giro di posta, il classico Best Of riparatore o alla peggio, una bella raccolta di canzoncine natalizie da appendere sotto l’albero.

Se quanto detto corrispondesse a verità, l’unica cosa gravemente illegittima e meritevole d’inquisizione non sarebbe la mancanza di onestà intellettuale?

Ma torniamo alle scuse di Bono, l’artista continua dicendo: «C’entra un po’ di megalomania, un tocco di generosità, un pizzico di autopromozione e la forte paura che questi brani in cui abbiamo riversato le nostre vite negli ultimi anni potrebbero non essere ascoltati».

Timori più che ragionevoli, tra i diversi album usciti dopo Achtung Baby, l’ultimo partorito si candida come il peggiore della serie.

Il ragazzo, in ogni caso, ammette candidamente di avere l’ego sovradimensionato; forse un eufemismo? Bono vuole salvare il mondo, “sedendosi a tavola” con statisti, papi e compagnia bella. Ne conseguono atteggiamenti imbarazzanti, prese di posizione buoniste, dichiarazioni melliflue… Nulla è più rivoltante di una “rockstar al bianco candor”, quella che fa beneficenza e lo fa sapere, s’immola per i diritti e lo fa sapere ma la lista delle “buone azioni” è lunga, tanto da chiedersi se non siano imposizioni peggiori le suddette, rispetto ad  un disco ritrovato nella propria library del telefono.

Il solito dj qualunque rimpiange i tempi in cui le rockstar anziché ostentare sorrisi caritatevoli, mostravano l’unica cosa in loro potere: il dito medio. 

9 canzoni 9 … imposte

Lato A

A New Error • Moderat

Painted Sun in Abstract • Trent Reznor and Atticus Ross

Melt • Leftfield

Chase the Tears • Portishead

Lato B

Train Song • Vashti Bunyan

Such a Fools • 20-20’S

Sad Lovers • Mark Lanegan Band

Exploding Head • A Place to Bury Stranger

Honey Bee (Let’s Fly to Mars) • Grinderman

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Louis Vuitton, un “iceberg” nel cuore di Parigi ospita la fondazione della maison

next
Articolo Successivo

Il sale della terra, se il fotografo-attore recita se stesso

next