“Cosa faresti se tua figlia tornasse a casa triste perché i compagni di classe le dicono che essendo africana avrà certamente l’Ebola?”. È con questa semplice domanda che si apre il video di Shoana Clarke Solomon, fotografa e conduttrice televisiva che ha deciso di lanciare la campagna “Sono una persona, non un virus”, dopo che sua figlia di nove anni è stata discriminata nella sua scuola di New York solo perché africana e quindi “probabilmente malata di Ebola”.

Accanto al video, è stata lanciata una campagna su Twitter. L’hashtag è #IAmALiberianNotAVirus, ovvero “sono un cittadino liberiano, non un virus”. L’iniziativa vuole arginare le stigmatizzazioni nei confronti dei cittadini dell’Africa occidentale, considerati spesso portatori del virus solo perché provenienti da Paesi dove Ebola si è altamente diffuso. La campagna vuole anche coinvolgere i cittadini di Guinea, Sierra Leone e Nigeria

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Isis, Papa: comunità internazionale agisca. Parolin: ‘Musulmani condannino atrocità’

prev
Articolo Successivo

Russia, stop a import di farine e grassi animali Ue: “Contengono metalli pesanti”

next