Il premier Matteo Renzi (Pd) dimostra di non gradire il tetto del 3%, ma si adegua. Il motivo? “Il nostro Paese ha un problema di ‘reputation‘”. Dalla conferenza stampa al termine del vertice europeo sull’occupazione di Milano, il presidente del Consiglio torna a parlare del tetto deficit/Pil: “Mantengo le mie idee, è un’idea di vent’anni fa, il mondo è cambiato”. Ma a fianco della cancelliera tedesca Angela Merkel e del presidente francese François Hollande, non osa lanciare sfide all’Unione europea: “Rispetto i Paesi che hanno deciso di sforare il limite del tre per cento. Anni fa anche il governo tedesco di Schroeder decise di superarlo – ricorda suscitando i sorrisi dei colleghi – Ma noi non lo faremo, nella legge di Stabilità il rapporto deficit/pil sarà del 2,9%”  di Baraggino e De Agostini

 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jobs act, il senatore dissidente Tocci non ce la fa più: “Voto la fiducia e mi dimetto”

next
Articolo Successivo

Jobs Act, Renzi: “Bagarre in Aula? Italiani stanchi di queste sceneggiate”

next