‘Il giornalista di Repubblica Carlo Bonini ha deciso di dimettersi dal ruolo di consigliere nazionale dell’Ordine dei giornalisti a seguito della riammissione di Renato Farina, l’ex vicedirettore di Libero arruolato dal Sismi come “agente Betulla” e coinvolto nell’inchiesta sul sequestro di Abu Omar a Milano.  Ai microfoni de ilfattoquotidiano.it, Bonini spiega le motivazioni che l’hanno spinto a lasciare: “Due vicende che segnano un punto di non ritorno per la nostra professione. Il reintegro di un signore arruolato dal servizio segreto militare e radiato con disonore 7 anni fa, ma oggi riammesso all’unanimità dall’Ordine regionale della Lombardia e la presenza di Giovanni Lucianelli, già segretario del pregiudicato Sergio De Gregorio, nelle sessioni di idoneità professionale”. Farina, oltre al lavoro del pm Armando Spataro, spiava anche i suoi colleghi come lo stesso Bonini che sul caso della sparizione dell’imam lavorava in coppia con Giuseppe D’Avanzo, scomparso nel 2011. “Spiava per conto del Sismi il lavoro mio e di Peppe. Le dimissioni vogliono essere anche un modo per onorare la sua memoria”, spiega l’ex consigliere. E aggiunge: “I colleghi dell’Ordine lombardo e il silenzio dell’esecutivo del consiglio nazionale hanno sancito che questo modo di fare è una marachella che può essere perdonata. Così com’è l’ordine è un carrozzone inutile”  di Chiara Carbone

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Editoria, Edoardo Caltagirone licenzia i giornalisti di T9 ma tiene la Ferrari

next
Articolo Successivo

E-book: e se davvero Adobe spiasse i lettori di libri digitali?

next