‘Il giornalista di Repubblica Carlo Bonini ha deciso di dimettersi dal ruolo di consigliere nazionale dell’Ordine dei giornalisti a seguito della riammissione di Renato Farina, l’ex vicedirettore di Libero arruolato dal Sismi come “agente Betulla” e coinvolto nell’inchiesta sul sequestro di Abu Omar a Milano.  Ai microfoni de ilfattoquotidiano.it, Bonini spiega le motivazioni che l’hanno spinto a lasciare: “Due vicende che segnano un punto di non ritorno per la nostra professione. Il reintegro di un signore arruolato dal servizio segreto militare e radiato con disonore 7 anni fa, ma oggi riammesso all’unanimità dall’Ordine regionale della Lombardia e la presenza di Giovanni Lucianelli, già segretario del pregiudicato Sergio De Gregorio, nelle sessioni di idoneità professionale”. Farina, oltre al lavoro del pm Armando Spataro, spiava anche i suoi colleghi come lo stesso Bonini che sul caso della sparizione dell’imam lavorava in coppia con Giuseppe D’Avanzo, scomparso nel 2011. “Spiava per conto del Sismi il lavoro mio e di Peppe. Le dimissioni vogliono essere anche un modo per onorare la sua memoria”, spiega l’ex consigliere. E aggiunge: “I colleghi dell’Ordine lombardo e il silenzio dell’esecutivo del consiglio nazionale hanno sancito che questo modo di fare è una marachella che può essere perdonata. Così com’è l’ordine è un carrozzone inutile”  di Chiara Carbone

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Editoria, Edoardo Caltagirone licenzia i giornalisti di T9 ma tiene la Ferrari

next
Articolo Successivo

E-book: e se davvero Adobe spiasse i lettori di libri digitali?

next