“Si stanno saldando tutti per cercare di farmi cadere e per farmi dimettere, ma dovranno usare i proiettili al plutonio per farmi cadere”. Così Luigi de Magistris, nel suo primo giorno da sindaco ‘sospeso’, nel corso di una visita a una fiera a Napoli. “Da oggi sarò molto di più per strada tra i cittadini, a loro dimostrerò che questa brutta vicenda non scalfisce in alcun modo la continuità dell’azione amministrativa e politica della giunta”. Una brutta vicenda alla quale ora rischia di aggiungersene un’altra: secondo indiscrezioni di stampa, a breve de Magistris potrebbe essere raggiunto da un provvedimento di rinvio a giudizio (insieme, tra gli altri, anche al Governatore campano Stefano Caldoro, ndr), per abuso d’ufficio in una vicenda riguardante l’organizzazione dell’America’s Cup. “Una cosa che ho appreso a mezzo stampa nel giorno della sospensione, ma non mi scalfisce per nulla, non so neanche di che si tratta. Sono sereno – prosegue -, in questi giorni mi sento un sindaco sospeso liberato, più sereno e libero di prima. Certo – aggiunge – il problema serio è che ormai non riesco più a pagare il mio collegio difensivo“. De Magistris, che incontrando cittadini ha assicurato che la sospensione durerà pochissimo (“mangerò il panettone”, ha detto), ha poi risposto anche a una domanda sulla questione dei lavoratori licenziati dell’Opera di Roma: “Loro mi nominarono presidente onorario dell’Opera di Roma. Io da sindaco sospeso posso dare loro asilo politico culturale nella nostra città. Quando diventerò di nuovo Presidente del San Carlo – conclude -, faremo un’ensemble misto tra Opera di Roma e San Carlo”  di Andrea Postiglione

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sondaggi politici, Ixè: “Fiducia in Renzi cresce al 49%. Sindacati fermi al 29%”

next
Articolo Successivo

M5S, Lombardi: “Bersani, scusa per quello streaming. Ero aggressiva perché timida”

next