Da prima delle elezioni europee ho deciso di non scrivere su questo blog per una ragione semplice: c’era una campagna elettorale in corso e non mi sembrava corretto intervenire, se non per invitarvi, nel febbraio scorso, ad informarvi prima di votare.

Ora, a elezioni finite e Parlamento insediato, vorrei attirare l’attenzione dei miei quattro lettori su alcuni punti che mi sembrano dimenticati o distorti da molti giornali:

  1. Senza voler sminuire l’importanza politica del segnale di quella che è stata definita una “valanga euroscettica”, un’occhiata alla composizione del nuovo Parlamento europeo mi pare dare un’immagine meno drammatica. Guardare per credere, i risultati sono disponibili qui.
  2. Purtroppo l’affluenza è stata, ancora una volta, molto bassa. Immagino che molti siano rimasti a casa nella convinzione – sbagliata – che il Parlamento “non conta niente nell’Ue”.  Ecco che invece, come ho cercato di spiegare in diversi post precedenti, si preparano le audizioni dei candidati Commissari. Trovate i dettagli e il calendario qui
    Il Parlamento europeo si è già pronunciato, con una larga maggioranza a favore, sulla nomina di Jean-Claude Juncker alla Presidenza della Commissione europea. Ora Juncker ha assegnato i portafogli ai 27 candidati Commissari (nominati da ogni Stato membro) e ognuno di loro – si, compresa la Mogherini, che in quanto “Mrs Pesc” è anche Vice-Presidente della Commissione europea – deve passare al vaglio del Parlamento. E non è un esame semplice: tra domande scritte e le audizioni vere e proprie, la storia insegna che qualche vittima ci sarà (qualcuno ricorda il candidato Commissario Buttiglione?). Il Parlamento, quindi, potrà influire direttamente e in profondità sul prossimo esecutivo europeo.
  3. Se tutto andrà bene (cioè se, in caso di “vittime” alle audizioni, i governi nomineranno in fretta un nuovo candidato che passerà senza problemi la nuova audizione), la Commissione prenderà le sue funzioni all’inizio di novembre.
    Ma attenzione: essere in una fase di transizione non vuol dire vuoto di potere! Nonostante i fiumi di inchiostro dedicati al “ritardo” di nomina della Mogherini, che avrebbe lasciato senza comando la politica estera Ue nel pieno della crisi Ucraina, la realtà è semplice: “Mrs Pesc” è, fino al 31 ottobre almeno, la Baronessa Ashton. Quello che dice e fa la nostra Mogherini fino ad allora lo dice e lo fa da ministro degli Esteri dell’Italia, non dell’Ue. Prima del passaggio di consegne bisogna che il nuovo Parlamento, democraticamente eletto da (purtroppo pochi) cittadini europei, si pronunci.

Come vi avevo invitato a informarvi prima di votare, vi invito ora a seguire le audizioni dei candidati Commissari. Quelle più controverse sono concentrate il primo ottobre, quella della Mogherini si terrà il 6 ottobre.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eurozona, disoccupazione stabile all’11,5% ad agosto. Inflazione cala a settembre

next
Articolo Successivo

Francia a Bruxelles: “Non chiediamo altri sforzi, serietà di bilancio ma non austerità”

next