La pistola elettrica Taser potrebbe essere sperimentata per la prima volta dalla polizia italiana. Le commissioni Giustizia e Affari Costituzionali della Camera hanno approvato un emendamento proposto dal deputato di Forza Italia, Gregorio Fontana, e contenuto nel decreto stadi. Adesso il documento approda alla Camera dove dovrà ottenere l’approvazione dei deputati.

Scettico il Movimento 5 Stelle che si chiede se esista “un’esigenza così tanto urgente e necessaria da essere inserita in un decreto legge”. I pentastellati puntano il dito contro i costi dell’eventuale provvedimento, sostenendo che si è detto di no allo sblocco degli stipendi mentre si pensa di fornire “pistole giocattolo” alla polizia. “Questa – concludono i deputati M5s – è la priorità di governo e maggioranza: pistole elettriche invece dello sblocco degli stipendi e la tutela della salute della polizia”.

L’emendamento si colloca all’interno del nuovo decreto legge che ha l’obiettivo di contrastare la violenza negli stadi, sollecitato a più riprese dopo la finale di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina, quando in uno scontro fuori dallo stadio tra ultras romanisti e napoletani perse la vita il  Ciro Esposito. Il decreto prevede norme più stringenti e pene più severe nei confronti dei facinorosi all’interno e fuori dalle strutture in occasione di eventi sportivi. Una proposta che, ha dichiarato il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Graziano Delrio, “vuole riportare le famiglie allo stadio”. Tra le novità presenti nel decreto, anche l’inasprimento del Daspo per i recidivi, che passa da un minimo di 5 a un massimo di 8 anni di allontanamento dagli stadi, e la possibilità dell’arresto differito anche nei casi di manifestazioni razziste.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Adro, suicida consigliere comunale. L’avvocato: “Vittima di linciaggio morale”

prev
Articolo Successivo

Marta Russo, Scattone farà il professore di liceo: supplente di storia fino a giugno

next