Dopo sette ore di negoziati il sequestro di un uomo avvenuto nell’Hotel “Saint Peter” nel centro di Brasilia è finito con l’arresto del suo rapitore. Un giovane politico brasiliano dello stato di Tocantins aveva preso in ostaggio un impiegato dell’albergo e minacciava di ucciderlo con l’esplosivo se il governo di Dilma Rousseff non avesse estradato in Italia l’ex terrorista Cesare Battisti. Il sequestratore, dopo la lunga trattativa, si è arreso alla polizia

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I due marò e quei ‘barbari indiani’

next
Articolo Successivo

Messico, studenti protestano e la polizia spara: 6 morti e 45 “desaparecidos”

next