Qualcuno andava in piscina, altri preferivano fare commissioni all’ufficio postale o preoccuparsi di fare la spesa al supermercato. Il tutto durante l’orario di lavoro. Diciassette dirigenti e sedici dipendenti dell’Azienda sanitaria provinciale di Siracusa sono indagati dalla Procura per assenteismo. I 33 erano tutti in servizio nel presidio dell’ex ospedale neuropsichiatrico. Documentate assenze di singoli dipendenti anche per 156 ore in un mese. 

I servizi più colpiti da questa ondata di assenteismo sono stati quelli di tossicologia, veterinaria, sicurezza del lavoro e vaccinazione. L’operazione, ribattezzata “Doctor house“, ha svelato un meccanismo complesso all’interno degli uffici dell’ex ospedale neuropsichiatrico. Oltre 1.500 fotografie e circa 600 ore di video hanno mostrato i “pianisti” in azione, ovvero i dipendenti che, a turno, strisciavano il badge per segnalare la presenza in ufficio dei colleghi invece assenti. Segnalati nei video anche gli spostamenti degli assenteisti seguiti mentre, durante l’orario di lavoro, andavano al supermercato, all’ufficio postale e in piscina.

Le accuse contestate sono di falso ideologico, truffa e false certificazioni. Per 19 dei 33 indagati, inoltre, la Procura ha anche sollecitato l’interdizione temporanea dai pubblici uffici. Richiesta su cui dovrà decidere il gip di Siracusa. L’indagine è iniziata circa un anno fa. I vertici dell’Asp, hanno sottolineato magistrati e investigatori, hanno fornito la più ampia collaborazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ex arcivescovo arrestato, accuse di abusi su minori e pedopornografia

prev
Articolo Successivo

Racket, a Napoli non pagherà le tasse locali chi denuncia pizzo e usura

next