Un traghetto italiano Europalink ha colpito uno scoglio a largo dell’isola greca di Corfù, nel mar Ionio. La nave, in servizio lungo la linea Igoumenitsa-Ancona-Trieste, aveva 762 persone a bordo ed era attesa nel porto marchigiano per le 17 di domenica 21 settembre. Come riferiscono le autorità greche, nell’incidente, avvenuto domenica mattina, non ci sono stati feriti né danni alle auto a bordo. Nonostante i danni alla struttura della nave, il traghetto ha raggiunto in sicurezza il porto di Corfù. È in corso un’indagine per stabilire le cause dell’incidente, mentre gli esperti sono al lavoro per determinare l’entità dei danni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti: caro Mediterraneo, ti scrivo una lettera dal Sahel

prev
Articolo Successivo

Papa Francesco: “Gli estremisti travisano la religione, nessuno si faccia scudo di Dio”

next