“La criminalità organizzata? A Brescello non c’è”. Lo dice Marcello Coffrini, sindaco Pd del paese in provincia di Reggio Emilia. L’intervista è stata pubblicata dalla webtv Cortocircuito ed è parte del loro ultimo documentario “La ‘ndrangheta di casa nostra. Radici in terra emiliana“. Il primo cittadino parla della realtà locale negando che ci siano “mai state denunce per estorsione o ricettazione”. E poi descrive come “una persona educata e composta” Francesco Grande Aracri, boss condannato in via definitiva per mafia nel 2008, soggetto a regime di sorveglianza speciale e considerato il punto di riferimento dell’ndrangheta in Emilia. La troupe di giovani studenti e giornalisti si fa accompagnare da Coffrini sui terreni sequestrati alla famiglia (beni per 3 milioni di euro). Subito vengono raggiunti da un furgoncino che chiede spiegazioni e poi dallo stesso Aracri. Il sindaco si apparta con il boss per spiegare la situazione e tornato in macchina spiega: “E’ lui Francesco Grande Aracri. E’ gentilissimo, molto tranquillo. Parlando con lui si ha la sensazione di tutto tranne che sia quello che dicono che sia. Lui è uno molto composto ed educato che ha sempre vissuto a basso livello. La famiglia qui ha un’azienda che adesso è riuscita a ripartire: fanno i marmi. Mi fa piacere che siano ripartiti”.

Il documentario affronta numerosi temi che riguardano la diffusione della criminalità organizzata in Emilia Romagna e soprattutto il comportamento di istituzioni e aziende. Tra i casi sollevati anche quello di una scuola superiore di Montecchio (Reggio Emilia) mai portata a termine: l’appalto era stato vinto da un’azienda campana che però non ha presentato il certificato antimafia e ha abbandonato i lavori. Ora anche la deputata Maria Edera Spadoni del Movimento 5 stelle ha chiesto chiarimenti in Parlamento con un’interrogazione. 

I giovani giornalisti locali lavorano da alcuni anni sul territorio e cercano di approfondire il tema del radicamento della mafie al nord. Solo a fine luglio 2013 erano diventati famosi alle cronache per aver subito intimidazioni mentre filmavano un cantiere andato a fuoco in provincia di Reggio Emilia. Il loro ultimo lavoro è stato presentato venerdì 18 settembre alla presenza di Francesco Maria Caruso, Presidente del Tribunale di Reggio Emilia, di Isabella Fusiello, questore di Reggio Emilia e del colonnello Paolo Zito, Comandante provinciale dei Carabinieri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Falsi invalidi, pensionata Inps a spasso con il cane: “Truffa da 60mila euro”

next
Articolo Successivo

Maltempo Emilia, criticità rossa in Regione: fiumi e frane sotto controllo

next