Giornata problematica in Emilia Romagna, interessata da una perturbazione e flagellata durante la mattinata e parte del pomeriggio da temporali che hanno messo in ginocchio alcune zone, in particolare della Romagna. La Protezione Civile ha pertanto deciso di estendere anche a lunedì 22 settembre l’allerta meteo: “Vista l’evoluzione meteorologica è stata valutata una criticità rossa su parte dell’Emilia-Romagna, in particolare per rischio idraulico diffuso sulla pianura di Bologna e Ferrara e sulla pianura di Forlì e Ravenna, per rischio idrogeologico localizzato sul Bacino montano del Reno e sui bacini montani dei fiumi romagnoli”.

Oggi i problemi maggiori si sono registrati per l’esondazione del Santerno e del Senio nell’imolese, e di Lamone e Montone nel forlivese. Non si registrano feriti ma diversi disagi in particolare a Casalfiumanese e Fontanelice, qualche frazione isolata e allagamenti in particolare nelle valli, dove si sono registrate alcune frane. Problemi anche ad Imola, con l’autodromo invaso dall’acqua. La situazione pare ora sotto controllo, dopo un lavoro lungo ormai 24 ore da parte di protezione civile, vigili del fuoco e carabinieri.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

‘Ndrangheta, il sindaco: “A Brescello non c’è”. E il boss Aracri “è educato”

next
Articolo Successivo

Aldrovandi, il concerto per ricordarlo. La madre: “Ora soluzioni politiche”

next