Nel profondo Aspromonte di Africo, una famiglia appartenente alla tradizionale professione della pastorizia divide i propri affari “illeciti” tra la Calabria, Milano e alcune città europee. Quelle dei tre fratelli protagonisti e dei loro ascendenti e discendenti sono “anime nere”per necessità ancestrale, ovvero per ontologica mescolanza tra legalità e criminalità, in ultima sintesi tra il Bene e il Male.

La parabola esistenzial-familiare non può che finire in tragedia, secondo i canoni di una classicità mai esaurita
Girato sui luoghi d’ambientazione governati dalla ’ndrangheta, Anime nere è il terzo lungometraggio di Munzi, e il suo più bello per maturità, solidità e complessità su più livelli. Ispirato all’omonimo romanzo di Gioacchino Criaco, il film contiene e supera la cine-letteratura (anche straniera) a tema mafioso proponendo l’originalità di un lessico familiare che purtroppo riguarda (anche) il presente di un Paese sempre più “equilibrista” nel rapporto cittadino/Stato.


 
Il Fatto Quotidiano, 18 settembre 2014

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

True Detective, arriva in Italia la serie noir che ha conquistato gli Stati Uniti

prev
Articolo Successivo

George Clooney, dopo il matrimonio anche un Golden Globe alla carriera

next