Calo congiunturale per esportazioni e importazioni italiane nello scorso mese di luglio. Rispetto al mese precedente si rileva una diminuzione sia delle vendite all’estero, giù dell’1,6%, sia degli acquisti da oltrefrontiera, scesi del 2,5%. E’ quanto emerge dalle rilevazioni sul commercio estero diffuse dall’Istat, che registrano però, al contrario, un aumento su base annua dell’1,1% per le esportazioni. Quanto al saldo commerciale, in luglio è stato positivo per 6,9 miliardi, in ampliamento rispetto allo stesso mese del 2013 quando il saldo era stato di 6 miliardi. Si registra un avanzo sia con i paesi extra Ue (+3,5 miliardi) sia con quelli Ue (+3,3 miliardi). La bilancia commerciale al netto dei prodotti energetici è attiva per 10,9 miliardi. 

La diminuzione congiunturale dell’export è determinata principalmente dalla contrazione delle vendite verso i mercati Ue (-2,7%), cui si associa una contenuta flessione di quelle verso i paesi extra Ue (-0,3%). Il calo delle vendite all’estero è comune a tutti i principali raggruppamenti, ma è particolarmente intenso per i prodotti energetici (-6,7%). La flessione congiunturale degli acquisti dall’estero riguarda entrambe le aree con analoga intensità: -2,6% per i paesi extra Ue e -2,5% per quelli Ue. La diminuzione è estesa a tutti i principali raggruppamenti di beni, a eccezione dei prodotti energetici (+0,3%).

L’aumento anno su anno dell’export è sostenuto dalla crescita delle vendite verso Stati Uniti (+18,4%), Repubblica ceca (+16,4%), Spagna (+10,8%), Regno Unito e Romania (+7,8% entrambe). Rispetto al luglio 2013, invece, le importazioni sono calate dell’1,4% a causa della diminuzione degli acquisti da paesi Opec (-30,2%), Russia (-27,2%) e Paesi Bassi (-14,7%). Si segnala il notevole aumento degli acquisti dall’India (+30,7%).

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, la Fed riduce previsioni di crescita. Occupazione migliora, ma non basta

next
Articolo Successivo

Rai, perdita di quasi 80 milioni nel semestre: “Colpa del decreto Irpef”

next