Il commissario straordinario per la spending review Carlo Cottarelli ha incontrato a Palazzo Chigi il premier Matteo Renzi e il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan. Obiettivo: individuare i tagli nei bilanci dei ministeri. Ogni dicastero, infatti, è chiamato a presentare un piano dettagliato per ridurre di 20 miliardi la spesa pubblica come si è prefissato Renzi per il 2015. Cottarelli ha già sul tavolo la mappa delle pubbliche amministrazioni: le misure di contenimento della disponibilità finanziaria dovrebbero partire proprio dalla presidenza del Consiglio con la razionalizzazione di dipartimenti e dirigenti. Da alleggerire anche i ministeri di Difesa e Interno: nonostante le recenti mobilitazioni delle forze dell’ordine contrariate dal blocco degli stipendi, il commissario si è espresso proprio sulla necessità di coordinare Polizia, Carabinieri, Finanza e Forestali.  
La rotta di Cottarelli ha poi virato verso il ministero degli Esteri: dipanare la fitta rete diplomatica e consolare per recuperare altre risorse. 

L’altra galassia su cui mira il commissario è la riduzione delle partecipate pubbliche che Cottarelli vuole ridurre da 8mila a 2mila per ricavarne, sempre entro il 2015, 500 milioni di euro che salirebbero a 2 miliardi nel lungo periodo. Ma il presidente del Consiglio ha già dovuto affrontare i ritardi dell’arrivo al Quirinale di due decreti importanti come sblocca-Italia e giustizia. L’iter parlamentare rischia di rallentare le previsione dei mille giorni prefissata da Renzi, il cammino dei decreti attuativi potrebbe incontrare il pollice verso di Bruxelles e la credibilità del nostro Paese di fronte all’Europa. 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni regionali Calabria, caos in Pd e in Forza Italia: “Vincerà il miglior perdente”

next
Articolo Successivo

Cottarelli verso l’addio. Governo Renzi dà il benservito al commissario dei tagli

next