Una scossa di magnitudo 4 si è verificata alle 12.45 tra la Toscana e l’Emilia Romagna. Il terremoto è stato localizzato dalla Rete sismica nazionale dell’Ingv nel distretto sismico della Garfagnana. I Comuni più vicini all’epicentro sono Fiumalbo (Mo), Abetone (Pt), Cutigliano (Pt). Centinaia di chiamate sono giunte ai vigili del fuoco di Pistoia dopo la scossa di terremoto di magnitudo 4 registrata oggi alle 12.45. L’epicentro del sisma è stato localizzato nella zona Abetone-Fiumalbo, sull’appennino pistoiese, a cavallo quindi fra la Toscana e il versante emiliano della provincia di Modena. A darne notizia è la Sala operativa operativa permanente della protezione civile toscana (Soup), alla quale sono immediatamente arrivate moltissime segnalazioni dalle zone più vicine all’epicentro.

La scossa si è verificata a una profondità di 13.3 chilometri, ha interessato il distretto sismico della Garfagnana ed è stata avvertita molto chiaramente dalla popolazione, sia nel pistoiese, che in Lucchesia e in tutta la provincia di Firenze. I vigili del fuoco di Pistoia hanno segnalato alla Soup di aver ricevuto oltre un centinaio di chiamate. Al momento non si segnalano danni a edifici o persone. Sono state avviate le operazioni di monitoraggio.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Primarie Pd Emilia, Bonaccini blocca il programma. Blitz di Renzi a Bologna

prev
Articolo Successivo

Scacchi, a Cesenatico i campioni mondiali in gara. E ora piace anche ai giovanissimi

next