La disperazione del genitore del minorenne freddato da un colpo di arma da fuoco esploso da un carabiniere ieri notte nel quartiere Traiano di Napoli. La vittima era in sella ad uno scooter insieme a tre persone giudicate dalle forze dell’ordine “sospette”. Su richiesta di stop, il gruppo è fuggito ed è nato un inseguimento, come raccontano gli amici di Davide Bifolco  di Andrea Postiglione

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Davide Bifolco, testimoni: “Stavamo a terra, ma lui si è alzato e agente ha sparato”

next
Articolo Successivo

Davide Bifolco, la reazione del fratello: “Si è trattato di un omicidio”

next