Nuovo attacco No Tav al cantiere di Chiomonte in Val Susa. Ieri sera intorno alle 23 un gruppo di militanti No Tav ha fatto irruzione nella zona nord del cantiere lanciando pietre, petardi, bombe carta e chiodi a quattro punte. 
Gli attivisti, una ventina in tutto, hanno scavalcato le reti che recintano il cantiere, tagliato il filo spinato e, raggiunto il tunnel geo-gnostico, si sono diretti verso la centrale elettrica per disattivare il sistema di illuminazione facendo esplodere bombe carta e petardi. Fallito il tentativo di spegnare il quadro elettrico grazie al sistema di protezione, i militanti sono fuggiti in direzione Ramat dove si sono allontanati a bordo di alcune auto le cui targhe sono state registrate dai carabinieri.

La forze dell’ordine, infatti, sono intervenute subito e lo scavo della “talpa” è ripreso regolarmente qualche ora dopo. In seguito all’attacco degli antagonisti, il segretario provinciale del sindacato di polizia Siap Pietro Di Lorenzo ha dichiarato: “Il cantiere durerà molti anni ancora e noi invecchiamo senza prospettive, non è detto che saremo sempre in grado di difenderlo” ha ribadito a proposito delle questioni inerenti gli stipendi degli agenti sollevate ieri da Renzi.

Gli attivisti che si battono contro la costruzione dell’alta velocità Torino – Lione sono vicini ai movimenti anarchici e autonomi e sono ospitati del “camping di lotta” a Venaus e provengono da tutta Italia.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sciopero forze di polizia: “15 anni di servizio e 1300 euro al mese”

next
Articolo Successivo

Palermo, Arcigay querela il consigliere Figuccia che definì “malati” gli omosessuali

next