“Sei un utente di Facebook via mobile e ti soffermi sui video? Occhio alle bollette!”. A lanciare l’allarme sui costi delle utenze telefoniche legati alla funzione Autoplay del social network di Marc Zuckerberg – quella che prevede che i video partano in automatico – è stato il sito americano Moneysavingexperts che ha ricevuto dalla stessa azienda di Cupertino una conferma delle ipotesi formulate dopo che alcuni utenti avevano visto “esplodere” il conto del traffico telefonico una volta entrati nel social network tramite smartphone e tablet. L’autoplay si aziona quando ci si connette alla rete con il 3G o il 4G e i costi per scaricare i video sono molto alti quanto inconsapevoli.

E così, dopo aver ricevuto numerose segnalazioni da parte degli utenti che non sapevano spiegarsi il perché dell’esaurirsi del traffico disponibile, il sito Moneysavingexperts ha spiegato che Autoplay – che Facebook sta testando dal settembre 2013 – scaricando i video in automatico fa aumentare il traffico dati e i costi del download sono involontariamente a carico dell’utente. Chi vuole evitare che Autoplay si attivi in automatico deve quindi scegliere tra le opzioni Facebook quella che prevede di poter scaricare i video solamente quando è presente il wi-fi e non attraverso la connessione 3G e 4G. 

Sempre secondo Moneysavingexperts l’aumento anomalo dei video scaricati da Facebook potrebbe essere stato causato dall’Ice Bucket challenge, la sfida con le secchiate d’acqua gelida per la campagna sulla Sla: un traffico da 2,4 milioni di video caricati per 28 milioni di visualizzazioni da luglio 2014. MoneySavingExpert ha raccolto anche molte testimonianze da parte degli utenti scontenti sostenendo che questa funzione ha allontanato molte persone dal social network perché Facebook non li ha informati sui costi e sui modi per disattivare Autoplay.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bce, Draghi rimanda “misure eccezionali” ma taglia i tassi. E le previsioni di crescita

prev
Articolo Successivo

Tango bond, Buenos Aires nazionalizza il debito per aggirare il giudice Usa

next