Il problema non è nuovo, ma continua a peggiorare. Quasi la metà (47,6%) della busta paga dei lavoratori italiani viene divorata da tasse e contributi, il famigerato “cuneo fiscale”. Che, tra 2007 e 2012, è aumentato dell’1,1%. Tanto che la differenza rispetto alla media dei Paesi Ocse, pari al 35,6%, è arrivata a 12 punti percentuali. A comunicarlo è l’Eurispes, sulla base delle tabelle Ocse relative a un single senza figli. I dati, aggiornati a due anni fa, mostrano che l’Italia è al sesto posto nella poco attraente classifica degli Stati con il cuneo più alto, dominata dal Belgio (a quota 56%). Al contrario Svizzera e Paesi Bassi sono riusciti a ridurre il peso di tasse e contributi rispettivamente dell’8% e del 6,4% nei cinque anni di analisi.

Nel mettere a confronto i vari paesi, avverte l’istituto di ricerca, bisogna comunque tenere presente che “l’incidenza delle imposte sul reddito non è uniforme”. Infatti prendendo in considerazione la parte del costo del lavoro che confluisce all’interno dei contributi previdenziali, emerge che il suo valore è pari a zero in paesi come Australia e Nuova Zelanda, mentre arriva al 30,6% in Francia. Per fornire un quadro più esaustivo, quindi, l’Eurispes mette in evidenza le differenze internazionali dei sistemi di prestazione previdenziale. Per fronteggiare il problema delle pensioni, connesso all’invecchiamento demografico e al patto tra generazioni, alcuni paesi hanno introdotto il sistema contributivo e tutti hanno stabilito un innalzamento dell’età pensionabile, che entro il 2050 dovrà essere di 67 anni. Sono quindi “lontani i tempi in cui il sistema pensionistico italiano era il più esoso della zona Ocse”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pecorino romano al top per esportazioni. ‘Ma con embargo di Putin siamo a rischio’

next
Articolo Successivo

Eurocrisi, per l’Italia l’indice Pmi dell’industria scende sotto soglia della recessione

next