La sigaretta elettronica è un “grave pericolo per l’adolescente e per il feto”. Questa la posizione  dell’Organizzazione mondiale della sanità, che sottolinea che sarebbe “auspicabile vietarne l’utilizzo nei luoghi chiusi”. “L’esposizione alla nicotina ha conseguenze a lungo termine sullo sviluppo del cervello”, si spiega in un documento in vista della Conferenza delle Parti (COP) alla Convenzione quadro dell’Oms sul tabacco che si terrà dal 13 al 18 ottobre a Mosca. Secondo quanto si legge nel documento ci sono “elementi di prova sufficienti per mettere in guardia bambini e adolescenti, donne in gravidanza e in età fertile contro l’uso di inalatori di nicotina elettronici (sigarette elettroniche in primo luogo)”.

I dati disponibili mostrano che l’aerosol prodotto da questi inalatori non è semplice “vapore acqueo”, come spesso sostengono le strategie di marketing di questi prodotti. Secondo lo studio l’utilizzo di questi prodotti non comporta solo “un grave pericolo per l’adolescente ed il nascituro”, ma “aumenta l’esposizione dei non fumatori alla nicotina e a un certo numero di sostanze tossiche”. Comunque, fa sapere l’Oms,  l’uso della sigaretta elettronica,”adeguatamente regolamentata e da adulti fumatori regolari in completa sostituzione delle sigarette convenzionali” è probabilmente meno tossica per il fumatore rispetto alla normale sigaretta.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terra dei fuochi: sui rifiuti speciali Renzi ascolti Arpa Toscana

next
Articolo Successivo

Ogm, dopo caso Friuli Monsanto rinuncia a commercio prodotti geneticamente modificati

next