Amazon ha annunciato di avere raggiunto un accordo per l’acquisto di Twitch: il rivenditore online pagherà circa 970 milioni di dollari per acquisire il servizio di videogaming. Anche Google era interessato ad acquistare il servizio, ma le due società non sono arrivate a un accordo. Twitch è una piattaforma che consente agli utenti di giocare trasmettendo i video e parlando tra di loro, oppure solo di assistere alle partite. Secondo quanto riporta il Wall Street Journal è la quarta fonte di traffico web degli Stati Uniti, dopo Netflix, Google e Apple. Twitch possiede la tecnologia per mandare online video che possono essere guardati da un altissimo numero di spettatori simultanei: “L’anno scorso, 32 milioni di persone hanno assistito al torneo di League of Legends” riporta il WSJ.

Amazon possiede già una divisione “Game”, che ultimamente si è occupata anche di sviluppare i nuovi giochi che accompagneranno la sua Fire TVIl vicepresidente di Amazon Games Mike Frazzini ha dichiarato che l’acquisto di Twitch è “un importante passo in avanti verso il settore dei videogiochi, in cui l’azienda ha investito tanto”. Ma, come suggerisce il giornale americano, per il colosso delle vendite online questa potrebbe essere un’opportunità per entrare anche in un nuovo mercato. La piattaforma streaming potrebbe infatti consentire a Jeff Bezos e i suoi di entrare definitivamente nel mondo del web video, dominato per ora da Google con YouTube e da Netflix. “Trasmettere e osservare l’esperienza di gioco – ha affermato Jeff Bezos, fondatore e ceo di Amazon – è un fenomeno globale e Twitch ha costruito una piattaforma che mette insieme decine di milioni di persone che guardano miliardi di minuti di videogiochi ogni mese”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cina sfida Microsoft, Google e Android. “Avremo il nostro sistema operativo”

next
Articolo Successivo

Ebook: libri digitali obbligatori dall’anno scolastico 2014/2015?

next