A Donetsk i separatisti filorussi hanno costretto militari, prigionieri di guerra e ostaggi, a sfilare nel centro della città con le mani dietro la schiena, tra la gente riunita che gridava loro “fascisti“. Dopo il loro passaggio i miliziani hanno provocatoriamente ripulito la strada e hanno esposto nella piazza principale della città i resti dei veicoli dell’esercito ucraino distrutti e crivellati di colpi. Dagli altoparlanti risuonavano canzoni russe nazionaliste, mentre molti posavano per le foto davanti ai carri armati distrutti. Uno degli spettatori ha afferrato una bandiera ucraina dalle lamiere di tank bruciato e l’ha gettata a terra; a quel punto diverse altre persone l’hanno calpestata e ci hanno sputato sopra. 

La manifestazione è stata organizzata in risposta alla parata militare che si è svolta oggi a Kiev per celebrare l’anniversario dell’indipendenza Ucraina: “Oggi è il Giorno dell’indipendenza di quella che era l’Ucraina e guardate cos’è successo ai loro equipaggiamenti, questo è ciò che è diventata”, ha detto una combattente che si è identificata con il nome di battaglia, Nursa. Nella manifestazione hanno sfilato anche decine di ribelli in una piccola parata: si sono radunati in formazione e poi si sono subito dispersi quando sono stati esplosi colpi di artiglieria.

Nell’est del Paese si continua a combattere. Tre civili sono stati uccisi ed altri sono rimasti feriti durante un bombardamento che ha colpito una chiesa durante una messa nella regione di Donetsk, nel villaggio di Kirovske: lo rende noto la chiesa ortodossa ucraina subordinata al patriarcato di Mosca. Altri 2 civili sono morti in un ospedale centrato da un colpo di artiglieria.

Negli ultimi scontri sono morti 722 soldati e il bilancio delle ultime 24 ore è di cinque soldati morti e otto feriti. Lo riferisce il portavoce del Consiglio nazionale ucraino di sicurezza, Andriy Lysenko, aggiungendo che sempre nelle ultime 24 ore a Luhansk 68 civili sono rimasti feriti. La cancelliera tedesca Angela Merkel, intervistata negli studi berlinesi dell’emittente ARD, ha detto che tra Russia e Ucraina “la situazione è molto fragile” e “molto pericolosa”, ma ha rassicurato che non si arriverà “a una risoluzione armata della crisi”. “Io sono anche per l’integrità territoriale dell’Ucraina – ha aggiunto –  che vuole anche il Poroshenko”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Libia, ex Assemblea si riconvoca a Tripoli. Ma il parlamento eletto ha sede a Tobruk

next
Articolo Successivo

Nigeria, anche Boko Haram proclama un “califfato islamico” e giustizia 20 civili

next