Decine di artisti scendono in campo per dare man forte al comitato che si oppone alla realizzazione Trans-Adriatic Pipeline, il metanodotto che, secondo i progetti, dovrebbe portare il gas caucasico attraverso Grecia e Albania fino a San Foca, la marina di Melendugno in provincia di Lecce. La multinazionale svizzera incaricata della realizzazione del progetto ha inaugurato l’estate finanziando diverse feste patronali e sagre, ma molti musicisti, da Roy Paci ai Sud Sound System, hanno deciso di sostenere le ragioni degli attivisti del Comitato No Tap, dichiarando che avrebbero disertato eventi targati dal colosso del gas. E così il 15 agosto decine di band hanno suonato gratuitamente a San Foca per esprimere la loro solidarietà a chi si oppone all’approdo del gasdotto in una delle perle turistiche del Salento, con la sua bandiera blu conquistata per il quarto anno consecutivo  di Tiziana Colluto, riprese di Emiliano Buffo e montaggio di Paolo Dimalio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terra dei fuochi: la replica a Galletti sull’invio di nuovi militari

next
Articolo Successivo

Tap, il gasdotto che preoccupa il Salento servirà tanto all’Europa e poco all’Italia

next