In pochi anni ha incassato 4 milioni di euro da professionisti, commercianti e pensionati, ma anzi che investirli in strumenti finanziari il broker ha sovvenzionato la squadra di calcio a 5, di cui è fondatore e presidente e che ora milita in serie A. Il nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza di Pordenone, dopo una lunga serie di perquisizioni e di sequestri di immobili, ha arrestato Pierpaolo Visintin, un promotore finanziario di 44 anni nato a Sagrado, in provincia di Gorizia, e residente a Sesto al Reghena, in provincia di Pordenone.

Secondo gli inquirenti, per alimentare le risorse della sua squadra, la New Team di San Vito al TagliamentoVisintin approfittava delle scarse competenze di coppie di anziani in materia di mercati mobiliari, che gli avevano affidato i risparmi di una vita. Ha raggirato anche una giovane disoccupata, inducendola a investire alcune migliaia di euro con la promessa di un’assunzione, di fatto mai avvenuta. Modi di fare amichevoli, un precedente incarico in banca, e la disponibilità ad andare a casa dei clienti per offrire i suoi servzi gli hanno fatto guadagnare la fiducia delle sue vittime. Visintin si era anche candidato come sindaco alle elezioni del suo paese 5 anni fa, ma venne sconfitto. La sua reputazione di persona seria e affidabile spingeva alcuni dei suoi clienti a consentirgli di operare sui loro conti correnti personali, consegnargli somme di denaro contante e assegni bancari privi di importo e di beneficiario. Poi per tranquillizzare i risparmiatori, ai quali non ha mai fatto sottoscrivere nessun contratto, l’uomo stampava falsi estratti conto che mostravano il buon andamento del loro investimento. Visintin ora dovrà rispondere di truffaappropriazione indebita e falso

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Csm, l’ovvia deriva politica

prev
Articolo Successivo

Camorra, annullata la richiesta di custodia per Luigi Cesaro

next