Jonella Ligresti, ex presidente di Fonsai, attualmente a processo per falso in bilancio e manipolazione del mercato, ha chiesto di poter trasferire la misura cautelare dell’obbligo di firma, a cui è sottoposta a Milano, a Villasimius, nel Cagliaritano, allo scopo di poter far passare al figlio un periodo di vacanza al mare. Sull’istanza, presentata dagli avvocati della donna, dovranno pronunciarsi i giudici del Tribunale di Torino. La Procura del capoluogo piemontese, come anticipato dal quotidiano la Repubblica, ha già espresso parere contrario all’istanza. 

Proprio nella zona di Villasimius la famiglia Ligresti era proprietaria della catena di alberghi Atahotel (ora passata a Unipol) e per anni ha frequentato l’esclusivo Tanka Village, una struttura a 4 stelle che si trova a due passi dal mare che ha ospitato negli anni molti politici, imprenditori, funzionari di Stato. Circostanza entrata proprio nell’inchiesta Fonsai

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sant’Anna Stazzema, il pm Marco De Paolis: “Non fu strage improvvisata”

prev
Articolo Successivo

Associazione a delinquere, Cinzia Mangano condannata a 6 anni e 4 mesi

next