Settimo Paese per estensione geografica al mondo. Il secondo più popolato. Culla di induismo, buddismo, jainismo e sikhismo. Dove l’hockey su prato è lo sport nazionale e il cricket il più popolare. Al 151° posto della classifica FIFA. India per cui, la famiglia Della Valle, dopo le partnership della Fiorentina negli Stati Uniti con la NorCal Premier Soccer e in Svizzera con la FC Ascona, ha ufficializzato l’accordo con il Pune Fc, società del nuovo campionato Indian Super League.
Una collaborazione questa che va a rafforzare il lavoro di internazionalizzazione del club viola, il primo italiano a sbarcare nel Paese asiatico. Dove continua la crisi diplomatica sulla questione dei due marò. Ma il calcio è calcio. Il business è business. E il calcio è business. Senza lilleri ‘un si làllera.

Il Pune Fc, fondato dal Wadhawan Group e patrocinato da Salman Khan, rappresenta la settima metropoli dell’India con oltre 8 milioni di abitanti e quarta realtà industriale del Paese.
La squadra intanto parla già italiano: in panchina l’allenatore Franco Colomba con il suo staff (Juri Bartoli, Giovanni Mei, Piero Spinosa), tra i pali Emanuele Belardi, in difesa Bruno Cirillo e Daniele Magliocchetti, a centrocampo Davide Colomba, figlio del tecnico; come team manager l’ex romanista Stefano Desideri. In attacco? David Trezeguet, con l’Italia ancora nel cuore. “Un progetto ambizioso e serio – le parole di Mister Colomba – che fa capo a un gruppo importante e solido. Non ho avuto dubbi, mi piacciono le sfide, rimettermi in gioco, lavorare con persone motivate, per raggiungere obiettivi importanti. Portare la nostra cultura calcistica e integrarsi in un Paese con una storia e una cultura diverse è un’esperienza che non è così frequente e non potrà che accrescere il mio bagaglio culturale e quello del mio staff”.

Prima della Fiorentina hanno investito in India anche altri club d’Europa, l’Atletico Madrid (in partnership con il Calcutta) e il Feyenoord (con il Delhi Dynamos). Un campionato di calcio, e di business, a otto squadre (Atlético de Kolkata, Delhi Dynamos FC, Kerala Blasters FC, Mumbai City FC, North East United FC, FC Pune City, Bangalore, Goa) con ex stelle come Freddie Ljungberg e Robert Pires. Un campionato breve ma intenso, che avrà inizio il 12 ottobre e durerà circa tre mesi.
Tre mesi di viola, proprio qui, dove non c’è la fontana del Porcellino e dove il governo, da qualche anno, ha deciso di correre ai ripari lanciando una campagna contro la superstizione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Figc, sfida tra Albertini e Tavecchio per la Federcalcio: gli scenari possibili

next
Articolo Successivo

Federcalcio, Carlo Tavecchio è il nuovo presidente: “Il calcio va cambiato insieme”

next