Tre sub sono morti alle Isole Formiche, a largo della costa di Grosseto. Un quarto è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale di Grosseto a causa di un’embolia. I tre sommozzatori morti Facevano parte del club Thalassa di Perugia e tutti e tre sarebbero morti per embolia. Si tratta di Fabio Giaimo, noto medico perugino di 57 anni, Enrico Cioli, 37, e Gianluca Trevani, 35. Un altro 35enne, un istruttore dello stesso club, M.B., è rimasto ferito e si trova in camera iperbarica a Grosseto. 

Avevano raggiunto la zona di immersione dei tre isolotti toscani partendo con una barca privata dal porto di Talamone, frazione di Orbetello. L’incidente è avvenuto domenica verso mezzogiorno. A dare l’allarme alla capitaneria di Porto Santo Stefano alcune imbarcazioni che passavano vicino alla zona di immersione e che hanno notato i tre sub risalire a galla all’improvviso. Rispetto alle cause della morte, bombole difettose, magari caricate in un ambiente malsano, o un malore letale. Sono queste le due ipotesi principali su cui sta lavorando la Procura.

Da giugno, sono almeno quattro i sommozzatori morti a largo delle coste italiane. Il 3 agosto un sub, dato inizialmente per disperso, viene trovato vicino a Capo Mortola, in provincia di Imperia. Altra tragedia ligure il 1 giugno, quando un sommozzatore è stato colto da un malore durante un’immersione tra Santa Margherita e Portofino. Sembra sia stato sempre un malore a uccidere altri due sub, il primo il 20 giugno in provincia di Lecce, e il secondo il 27 luglio a Ustica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sant’Anna, “I nazisti sterminarono la mia famiglia. Ma perdono il popolo tedesco”

next
Articolo Successivo

Sant’Anna di Stazzema, “Mio zio SS trucidò la vostra gente. Piango, dovevano punirlo”

next