I genitori naturali di Gammy negano di aver abbandonato il bambino affetto da sindrome di Down e da una patologia cardiaca lasciandolo alla “madre in affitto”. Il padre biologico ha raccontato infatti in un’intervista alla ABC che il medico della clinica in cui ha partorito la giovane madre thailandese non ha detto nulla a lui e alla moglie riguardo al fatto che la bimba che avrebbero portato a casa avesse anche un fratellino disabile, Gammy appunto. Per questo, ha spiegato l’australiano, hanno portato a casa solo lei. I rapporti con l’agenzia che ha trovato la madre surrogata sarebbero sempre stati problematici (tanto che la coppia ha definito ‘traumatica’ l’esperienza) e quando hanno provato a ricontattarla hanno scoperto che non esisteva più.

Le avevano detto di abortire. Pattharamon Chanbua, 21enne thailandese già madre di due bambini, ha deciso di diventare ‘mamma in affitto’ ricevendo 15 mila dollari come compenso dalla coppia australiana. In un’intervista all’ABC la ragazza ha raccontato che la coppia australiana, una volta scoperto che uno dei due gemelli aveva la sindrome di Down, le ha chiesto di abortire, ma lei per motivi religiosi ha scelto di portare avanti la gravidanza. E di fronte all’abbandono da parte dei genitori naturali ha deciso di prendersi cura del bambino e crescerlo insieme ai suoi figli. Gammy, che ora ha sei mesi, è affetto anche da una grave patologia cardiaca congenita che richiede cure molto costose e si trova in ospedale a Bangkok.  

Solidarietà su internet. La storia del piccolo ha attirato subito l’attenzione dei media, e su internet è partita la campagna di crowdfunding ‘Hope for Gammy‘. In 13 giorni la causa ha raccolto oltre 220mila dollari, che sono stati donati da oltre 5mila persone. Questi contributi, come specificato sul sito, verranno affidati a un’associazione non profit in qualità di ‘fondo’ che sarà utilizzato direttamente per pagare le cure mediche del bimbo.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giappone, prima tappa dei lavoratori per non morir di lavoro

next
Articolo Successivo

Gaza, Londra rivede forniture militari a Israele: “Basta, se usate per repressione”

next