Il tasso di disoccupazione giovanile è arrivato a giugno al 43,7%, toccando il livello più alto dall’inizio delle serie storiche mensili, ovvero dal 2004, e trimestrali, dal 1977. Lo rileva l’Istat nei dati provvisori di giugno, che mostrano una crescita di 0,6 punti sul mese e di 4,3 punti sull’anno. In particolare, l’incidenza dei disoccupati tra 15 e 24 anni sul totale dei giovani della stessa età è dell’11,7%, in diminuzione di 0,1 punti percentuali rispetto al mese precedente ma in aumento di 0,9 punti su base annua. 

Meglio i dati rispetto al tasso di disoccupazione generale, che a giugno è calata di 0,3 punti su maggio ma è cresciuta di 0,1 punti nei 12 mesi. “Ormai da qualche mese si è fermata l’emorragia di occupazione”, osservano i tecnici dell’istituto. A giugno gli occupati sono 22 milioni 398 mila, circa 50mila in più rispetto al mese precedente (lo 0,2%) e sostanzialmente invariati su base annua.

In termini assoluti, il numero di disoccupati, pari a 3 milioni 153 mila, diminuisce del 2,4% rispetto al mese precedente, ovvero ci sono 78mila persone in più con un posto di lavoro, mentre aumenta dello 0,8% su base annua (circa 26mila persone). Per quanto riguarda il numero di individui inattivi tra i 15 e i 64 anni, pari al 36,3%, rimane sostanzialmente invariato rispetto al mese precedente, mentre diminuisce dello 0,9% rispetto a dodici mesi prima. Mentre rispetto alla disoccupazione giovanile, i senza lavoro tra i 15 e i 24 anni sono 701 mila. 

 

 

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Franceschini e un paese che muore senza cultura e senza lavoro

next
Articolo Successivo

Ebook: dall’innovazione, ai droni, alla riduzione dell’orario di lavoro?

next