“Lo abbiamo detto con molta precisione: diamo una valutazione positiva del piano, della necessità di salvare Alitalia, ma la soluzione che è stata convenuta sabato sugli esuberi non è positiva, perchè scarica sui lavoratori tutte le responsabilità“. Così il segretario della Cgil, Susanna Camusso, a margine dell’incontro sulla Pa ‘Riformo io!’, organizzato a Roma. Quanto alla scelta di andare avanti sugli esuberi anche senza il consenso della Cgil, ribadita oggi dal ministro dei Trasporti, Maurizio Lupi, Camusso ha rilevato che “ognuno si assume le responsabilità delle scelte che fa, anche il governo”. Tornando al nodo degli esuberi, Camusso ha aggiunto: “Siamo in attesa di capire se il famoso matrimonio con Etihad si farà. L’azienda ha deciso di avere un atteggiamento. Noi saremo vigili rispetto alla ricollocazione dei lavoratori e continuiamo a sostenere che si determina un vulnus, che è quello delle procedure di licenziamento, che scarica sui lavoratori responsabilità che invece sono del piano con cui partì Cai”. La numero uno della Cgil ha però aggiunto che è intenzionata a “concludere la trattativa sul contratto e il costo del lavoro. Se i testi rimangono quelli di stanotte siamo pronti a firmare”  di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Copia privata, paga anche la Pa? Lo scandalo si ingrossa

next
Articolo Successivo

Recessione: quanto pesa sui bilanci familiari

next