La sfida del Maracanà di Rio de Janeiro sarà l’ultimo capitolo dell’avventura da ct dell’Argentina di Alejandro Sabella alla guida della Seleccion. A confermarlo è il suo agente, Eurgenio Lopez, ai microfoni di Radio “Delta FM”, che specifica inoltre come la decisione sia presa a prescindere dall’esito della finale contro la Germania. Per sostituirlo il nome più caldo è quello di Gerardo “Tata” Martino, libero dopo l’esperienza al Barcellona.

Queste le parole in radio di Eugenio Lopez, agente di Sabella: “Sono sicuro che Alejandro non resterà alla guida della nazionale. Durante la sua vita ha sognato di farlo e ha lavorato per realizzare questo sogno, ma ha dato tutto quello che aveva da dare all’Argentina. I cicli si chiudono, lo stesso è accaduto con l’Estudiantes. Successori? Non so se sarà Martino o Simeone, non so cosa ha deciso Grondona, ma so che Alejandro non resterà. E’ un allenatore ossessionato dal lavoro sin da quando si alza al mattino. E’ una persona che sa ascoltare e che si prepara bene prima di prendere una decisione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Olanda, l’obiettivo di Luis Van Gaal: “Vogliamo chiudere imbattuti”

prev
Articolo Successivo

Brasile 2014, la Federcalcio verdeoro conferma Felipao Scolari

next