Angel Di Maria sta provando un disperato recupero. A due giorni dalla finalissima del Mondiale brasiliano il centrocampista del Real Madrid, infortunatosi nel corso del quarto di finale contro il Belgio (stiramento di primo grado alla coscia destra), ha preso parte all’allenamento di giovedì corricchiando per tutta la seduta. Ovviamente non ha potuto lavorare coi compagni: resta difficile un suo recupero per la Germania.

E’ chiaro però che l’intenzione di tutti, staff dell’Argentina, tecnico e giocatore, è quella di tentare il tutto per tutto per un appuntamento che capita una volta nella vita. La volontà di recuperare per la finale era stata ben chiara fin dal giorno dopo la gara contro il Belgio, quando si era iniziato a parlare di ricorso ad un trattamento con cellule staminali per il ‘Fideo’. Ma è chiaro come, oltre a scendere in campo, Di Maria debba essere anche in condizioni ‘presentabili’. La sua corsetta di giovedì, testimoniata dalle televisioni presenti per il primo quarto d’ora d’allenamento, fa sperare tutta l’Argentina. E anche le sue dichiarazioni all’emittente TyC Sports sono possibiliste: “Io ci provo fino alla fine, la tristezza per l’infortunio è già passata. E’ difficile, ma domenica voglio essere in campo“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Argentina, la versione di Maradona: “Messi stanco, Mascherano un esempio”

prev
Articolo Successivo

Brasile 2014, in conferenza stampa va solo il ct Sabella. Argentina multata

next