Il diplomatico italosvedese Staffan De Mistura è il nuovo inviato speciale delle Nazioni Unite in Siria. Lo ha annunciato al Palazzo di Vetro il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon. De Mistura succede a Lakhdar Brahimi e Kofi Annan. De Mistura, 67 anni, già vice ministro degli esteri italiano, vanta una lunga carriera all’Onu con un curriculum di primo piano come mediatore di conflitti e rappresentante delle Nazioni Unite in diversi contesti di guerra, come l’Afganistan, l’Iraq, il Rwanda, il Libano, la Somalia, il Sudan e l’ex Jugoslavia.

Tra i suoi ultimi incarichi, quello di inviato del governo italiano per il caso dei due fucilieri di Marina, Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, da due anni e mezzo trattenuti in India. Dopo il termine del mandato è stato nominato presidente del neo-costituito European Institute of Peace, con sede a Bruxelles, e sovrintendente della Fondazione Axel Munthe-Villa San Michele, a Capri. Staffan de Mistura, nel suo nuovo ruolo di inviato speciale per la Siria, avrà un vice arabo, una decisione presa d’intesa con la Lega Araba, ha detto Ban. Si tratta di Ramzy Ezzeldin Ramzy, un diplomatico egiziano con una vasta esperienza internazionale.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Filippine, ex ambasciatore arrestato per “traffico di minori” libero su cauzione

prev
Articolo Successivo

Unione Africana, scatta l’immunità per tutti i capi di stato e per gli alti funzionari

next