Una bomba d’acqua ha colpito Reggio Emilia provocando danni e allagamenti, ma fortunatamente nessun ferito. La pioggia battente è cominciata a cadere verso le 16 ed è durata circa un quarto d’ora, trasformandosi, in alcune zone della città, in grandine. Decine le telefonate ai vigili del fuoco e alla polizia municipale per alberi caduti sulla sede stradale, allagamenti, case scoperchiate. Il tetto di un’abitazione nella frazione di Due Maestà è stato letteralmente portato via ed è finito sulla rotonda sottostante, paralizzando il traffico.

Il sottopasso della stazione ferroviaria è stato chiuso perché completamente allagato. I treni sono stati fatti fermare tutti al binario uno, con ritardi e disagi ai passeggeri. Alcuni alberi hanno tranciato i cavi elettrici in varie zone della città e le strade sono state momentaneamente chiuse per il ripristino dei danni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scuola pubblica a Bologna, a un anno dal referendum aumentano i fondi alle private

prev
Articolo Successivo

Morto Michelini, partigiano e presidente Anpi. Errani: ‘Fece scelta per la democrazia’

next