Moneyval, l’organismo antiriciclaggio del Consiglio d’Europa, si apresta a sanzionare il Liechtenstein. Ma il colpo potrebbe arrivare al Vaticano e alle istanze di moralizzazione finanziaria di papa Francesco. Perché nel mirino di Moneyval c’è il lasso di tempo in cui il capo dell’autorità antiriclaggio del Principato centroeuropeo era Renè Bruelhart (nella foto) attualmente alla guida dell’Autorità d’informazione finanziaria (Aif) vaticana. 

Il voto finale a un Paese da parte di Moneyval è il risultato delle singole valutazioni dell’organismo internazionale sul rispetto delle singole raccomandazioni antiriciclaggio. I voti possibili sono quattro. Due al di sotto della sufficienza: not compliant (non conforme), partially compliant (parzialmente conforme). Due sopra la sufficienza: largely compliant (largamente conforme) e compliant (la valutazione massima). 

La raccomandazione della Fiu (denominazione internazionale dell’organo antiricilaggio di ciascun Paese) del Liechtenstein era “largely compliant” nella precedente valutazione del 2007 e ora, nel report appena approvato, scende a una valutazione negativa, “partially compliant”. Il direttore dell’Aif vaticano Renè Bruelhart è stato fino al 2012 a capo della Fiu del Liechtenstein ora bocciato da Moneyval. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Traghetti, Fincantieri vara il primo a gas naturale. Ma navigherà in Canada

prev
Articolo Successivo

Eni, le intercettazioni sul acquisto del maxi giacimento in Nigeria

next