Il leader dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante (Isis) Abu Bakr al-Baghdadi è comparso in un video su internet che lo riprende nella Grande Moschea di Mosul mentre ordina ai fedeli musulmani riuniti di obbedirgli. Nel filmato si vede al-Baghdadi che interviene nel sermone e assiste alla preghiera islamica del venerdì a Mosul, città del nord dell’Iraq conquistata dall’Isil nella notte tra il 9 e il 10 giugno. 

Al-Baghdadi non si era quasi mai mostrato in pubblico e di lui circolano solo poche immagini. Il video è stato diffuso da un sito web spesso utilizzato dal gruppo militante come canale, e non è possibile confermare in maniera indipendente che la persona che tiene il sermone sia veramente al-Baghdadi.

Nel video il leader dell’Isil non riporta ferite, mentre nei giorni scorsi i media iracheni avevano diffuso la notizia che era rimasto colpito in un raid aereo condotto dall’aviazione nell’Iraq occidentale, non lontano dal confine con la Siria. A riferirlo era stata la tv al-Sumaria, che aveva tuttavia precisato che la notizia non era ancora ufficiale. Solo pochi giorni fa il califfo integralista aveva annunciato: “Conquisteremo Roma e il mondo intero”. Ma le minacce non si sono fermate qua, perché il capo jihadista aveva puntato il dito anche contro gli Stati Uniti, minacciando un attacco peggiore di quello dell’11 settembre

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Inghilterra del Nord: briciole della ‘working class’

prev
Articolo Successivo

Miliardi di dollari e social network: così l’IS recluta migliaia di volontari in tutta Europa

next