Gli agenti colpevoli di atti di violenza avvenuti nel carcere di San Sebastiano di Sassari nell’aprile 2000 non hanno ricevuto pene proporzionali al reato commesso. Per questo la Corte europea dei diritti umani ha condannato l’Italia per aver sottoposto a trattamento inumano e degradante Valentino Saba, uno dei detenuti che denunciarono gli atti di violenza. Secondo quanto disposto dalla sentenza, infatti, lo Stato dovrà versargli 15mila euro per danni morali a fronte dei 100mila richiesti da lui.

Tra le motivazioni della condanna la Corte ha messo in causa i tempi lunghi del processo, il fatto che molti colpevoli sono stati prosciolti per prescrizione dei reati commessi e che gli agenti condannati hanno ricevuto pene troppo leggere in rapporto ai fatti per cui erano stati incriminati. Ad esempio i giudici hanno ritenuto insufficiente la sanzione di 100 euro inflitta a uno degli agenti che non ha denunciato le violenze commesse dai suoi colleghi o il fatto si aver sospeso la condanna al carcere per gli altri agenti. 

La sentenza ha poi sottolineato come le autorità italiane non hanno indicato se le persone sotto processo sono state sospese durante il procedimento come stabilisce la giurisprudenza della Corte di Strasburgo. I giudici hanno però anche stabilito che Valentino Saba è stato sottoposto a trattamento inumano e degradante ma non a tortura, come sostenuto invece da lui. 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Meredith, Raffaele Sollecito: “Non ritratto. Io credo all’innocenza di Amanda Knox”

prev
Articolo Successivo

Riforma della Giustizia: cosa serve veramente al cittadino

next