Sfilano a Roma con venti bare al seguito, da piazza della Bocca della Verità fino alla sede del ministero della Salute sul Lungotevere. Sono le famiglie e i malati che vogliono avere accesso alle cure del metodo Stamina. “Ricordiamo le decine di vittime che si sono spente in questi mesi di sordità da parte del governo, bambini e pazienti ai quali non è stata data la possibilità di curasi” afferma una manifestante. A guidare la marcia funebre ci sono i fratelli Biviano, Marco e Sandro, da un anno e mezzo in presidio permanente a piazza Montecitorio in nome della libertà di cura. “Non voglio morire”, e “curarmi non è un reato” sono gli slogan della giornata. Un delegazione entra all’interno del ministero e chiede di poter incontrare il ministro Beatrice Lorenzin. “Non usciremo da qui fino a quando non ci riceverà” affermano  di Irene Buscemi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Unioni civili troppo importanti: Pascale-Berlusconi e Feltri si occupino di Dudù

prev
Articolo Successivo

Migrazione internazionale, il lato oscuro del pomodoro italiano

next