Il rinnovo delle cinque principali cariche ai vertici delle istituzioni Ue, di cui si discute in queste ore, è un passaggio cruciale per l’assetto futuro dell’Europa e il suo programma di lavoro. Ecco funzioni e poteri dei ‘big 5’.

Presidente della Commissione Europea
Guida l’azione dell’organo esecutivo dell’Ue, assegnando i portafogli ai commissari designati dai vari governi nazionali. La Commissione Ue ha il potere d’iniziativa legislativa e quello di vigilare sull’applicazione della normativa comunitaria da parte dei Paesi membri svolgendo la funzione di “guardiana dei Trattati”.

Presidente del Consiglio Europeo
La creazione di questa figura è una delle principali innovazioni introdotte con il Trattato di Lisbona. Il presidente assicura la preparazione e la continuità delle attività del Consiglio Europeo, facilitando la coesione e il consenso fra i capi di Stato e di governo dei Paesi dell’Unione.

Presidente dell’Europarlamento
Presiede e dirige i lavori dell’unica istituzione dell’Ue eletta direttamente dai cittadini. Il presidente verifica il rispetto del regolamento parlamentare e rappresenta l’istituzione all’interno dell’Ue e in sede internazionale. La sua firma è necessaria per rendere operativa la maggior parte degli atti legislativi europei e per l’approvazione del bilancio.

Alto rappresentante Ue per gli Affari esteri e la politica di sicurezza
Ha il compito di guidare la politica estera dell’Unione europea. La carica è stata creata dal Trattato di Lisbona, che ha riunito in un’unica persona le competenze relative alla politica estera e di sicurezza comune. Nell’esercizio delle sue funzioni, l’Alto rappresentante si avvale del servizio europeo per l’azione esterna, che ricade dunque sotto la sua autorità.

Presidente dell’Eurogruppo
Presiede i lavori della riunione informale dei ministri dell’Economia dei Paesi dell’Eurozona. L’organismo si riunisce una volta al mese alla vigilia del Consiglio Ecofin. L’Eurogruppo è stato creato nel 1997 per rafforzare il dialogo sulle questioni legate all’Unione economica e monetaria dell’Ue.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’Ue sfida Israele. Bruxelles ai paesi membri: “Non fate affari con le colonie”

prev
Articolo Successivo

Renzi, il novellino che la Merkel non deve sottovalutare

next