Da eroe nella partita di esordio contro l’Inghilterra a Manaus, a primo colpevole nelle pessime prove contro Costa Rica e Uruguay. Il Mondiale di Balotelli si conclude alla fine del primo tempo della gara fatale contro la Celeste, tra le grida di Prandelli e i rimproveri di Buffon e De Rossi negli spogliatoi. Dopo l’eliminazione l’attaccante del Milan viene attaccato duramente dal capitano e dal centrocampista della Roma (che comunque non ne nominano mai il nome). Lui non partecipa al discorso di commiato di Pirlo e se ne va. Dopo un’ora trascorsa nel pulman degli azzurri viene richiamato. Poi si sfoga su Twitter: “Noi negri avanti anni luce, non avremmo mai scaricato un nostro fratello”. Una risposta probabilmente rivolta a chi lo aveva precedentemente accusato di poco impegno e atteggiamenti da star. E comunque ha diviso l’Italia. Voi da che parte state? 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mondiali 2014, è solo colpa di Mario Balotelli? Tutti gli abbagli di Prandelli

prev
Articolo Successivo

Mondiali 2014, il rientro degli azzurri: a Malpensa non c’è nessuno

next