“La questione è che tu non sei proprio italiano, ritirati”. Un’accusa razzista in un momento particolarmente delicato è sufficiente a scatenare l’ira di Mario Balotelli, che sul suo profilo Instagram si scaglia contro l’utente che lo ha offeso. “Non ho scelto di essere italiano, l’ho voluto fortemente perché sono nato e ho sempre vissuto in Italia – si legge a margine del vergognoso video -. Ci tenevo fortemente a questo Mondiale e sono triste, deluso e arrabbiato con me stesso”.

Mario passa poi ad analizzare il suo rendimento in Brasile, rivolgendosi poi a tutti quelli che lo criticano: “Magari potevo fare gol con la Costa Rica, ma poi? Non vi permetto di scaricare la colpa su di me stavolta perché ho dato tutto per la Nazionale e non ho sbagliato niente a livello caratteriale: cercatevi un’altra scusa perché ho la coscienza a posto – aggiunge l’attaccante del Milan – e sono pronto ad andare avanti più forte di prima e con la testa alta“.

Infine l’affondo più duro, tornando sul tema del razzismo: “Sono fiero di aver dato tutto per il mio paese. O forse, come dite voi, non sono italiano. Gli africani non scaricherebbero mai un loro fratello. In questo noi negri, come ci chiamate voi, siamo anni luce avanti. Certi atteggiamenti sono ben più gravi del rendimento di un calciatore: vergognatevi“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mondiali 2014: scommette 4 euro sul morso di Suarez, ne vince 700

prev
Articolo Successivo

Nigeria – Argentina, ecco le formazioni ufficiali

next